Liberarsi dalle zanzare con le soluzioni fai da te!

addio-zanzare

Lo scorso week end ho invitato un po’ di amici a casa: ho preparato una bella cenetta e ce la siamo goduta al fresco in giardino.

Peccato che i miei ospiti non fossero gli unici invitati a cena: insieme a noi (o meglio: con noi) banchettavano anche le zanzare!

Allora ho sfoderato i miei rimedi contro questi odiosissimi insetti. I repellenti non sono l’unica arma contro le zanzare: ci sono anche delle soluzioni fai-da-te che funzionano alla grande e permettono di sbarazzarsi delle piccole sanguisughe una volta per tutte!

Ecco le mie preferite:

La bottiglia anti-zanzara

Un rimedio fantastico contro le zanzare, che si realizza in maniera semplice e economica!

Occorrente:

  • 1 bottiglia di plastica vuota
  • 10 gr di lievito
  • 150 grammi d’acqua calda
  • 4 cucchiai di zucchero

Procedimento:

  1. Con un paio di forbici, ritaglia la bottiglia di plastica all’altezza del bordo superiore dell’etichetta.
  2. Nella metà inferiore della bottiglia versa l’acqua e lo zucchero e mescola.
  3. Aggiungi il lievito ma NON mescolare.
  4. Togli il tappo alla metà superiore della bottiglia e mettila capovolta sulla metà inferiore della bottiglia

Dopo qualche minuto si attiva la reazione chimica tra lo zucchero e il lievito, che produce anidride carbonica e attira le zanzare. Una volta entrare nella bottiglia, le bestiacce non riescono più a uscire!

L’olio di neem e i gerani

Questo rimedio me l’ha insegnato mia nonna. Alla sera, accendi due-tre candele a bae larga e mettici sopra qualche goccia di olio di neem. Si può anche spalmarsi l’olio di Neem direttamente sulla pelle, ma l’odore è un po’ fastidioso. In ogni caso, con quest’olio si riesce efficacemente a tenere lontane le zanzare.

Un altro rimedio tipicamente “da nonna”, ma molto utile, è mettere sul terrazzo o in giardino dei vasi di gerani odorosi: il loro profumo è molto fastidioso per le zanzare, che se ne staranno a debita distanza!

La batbox

In una sola notte un pipistrello può mangiare fino a 2000 tra zanzare e altri insetti fastidiosi. Visto che sono animali del tutto innocui (sul serio!), perché non offrire loro un rifugio, ovvero una batbox? Basta sistemarla all’esterno, in giardino o anche sul terrazzo, purché sia in un punto in cui i pipistrelli possano andare e venire liberamente, senza essere disturbati dalla presenza umana.

E’ possibile acquistare delle batbox già pronte nei negozi specializzati, ma se non vuoi spendere soldi puoi costruirne una tu: se hai materiale di recupero come assi di legno o compensato, un martello, una colla e un metro, puoi seguire questo tutorial!

A questo punto non resta che aspettare che i pipistrelli si facciano vivi e inizino a cibarsi dei fastidiosi insetti succhiasangue.

Zanzare, addio! :)

Share This: